Company

Noi non cambiamo il mercato.
Noi lo ribaltiamo

Scopri di più

Scegli da che parte stare

Esiste un caffè che non è amaro per chi lavora? Vieni a conoscerlo.

Scopri di più

I negozi Altromercato sono la casa del Commercio Equo e Solidale

Scopri il negozio più vicino a te

Vai allo store locator

Le nostre origini

Mani, volti, sorrisi: le storie dei nostri produttori sono storie di persone

Scopri di più

La nostra guida per un agire sostenibile

I 10 principi del Commercio Equo e Solidale

Scopri di più

Partecipa al cambiamento

Diventa protagonista a partire dalle tue scelte quotidiane

Scopri di più

Regalistica aziendale

Scegliere un regalo equosolidale è un investimento in Responsabilità Sociale d'Impresa.

Scopri di più
Pomodoro2021-07-27T17:21:16+00:00

 

Filiera del pomodoro

Home » Filiere » Pomodoro

Il nostro pomodoro non piace ai caporali

La filiera etica del pomodoro che coltiva diritti e futuro.

Home » Filiere » Pomodoro

Il nostro pomodoro non piace ai caporali

La filiera etica del pomodoro che coltiva diritti e futuro.

Il mercato del pomodoro

I principali paesi produttori di pomodoro nel mondo sono gli Stati Uniti, seguiti dall’Italia e dalla Cina, che insieme coprono il 56% del totale.
Fonte: Dati Ismea – agosto 2019

L’Italia è il secondo trasformatore mondiale dopo gli Usa e rappresenta il 13% della produzione mondiale e circa la metà del trasformato europeo, con un fatturato totale di oltre 3,3 miliardi di euro.
Fonte: Dati Ismea – agosto 2019

L’Italia, inoltre, è il primo esportatore mondiale di polpe e pelati, con una quota pari al 77% del valore mondiale, seguita dalla Spagna (5%) e dagli USA (4%).

 

Fonte: Dati Ismea – agosto 2019

 

I principali paesi produttori di pomodoro nel mondo sono gli Stati Uniti, seguiti dall’Italia e dalla Cina, che insieme coprono il 56% del totale.
Fonte: Dati Ismea – agosto 2019

L’Italia è il secondo trasformatore mondiale dopo gli Usa e rappresenta il 13% della produzione mondiale e circa la metà del trasformato europeo, con un fatturato totale di oltre 3,3 miliardi di euro.
Fonte: Dati Ismea – agosto 2019

L’Italia, inoltre, è il primo esportatore mondiale di polpe e pelati, con una quota pari al 77% del valore mondiale, seguita dalla Spagna (5%) e dagli USA (4%).
Fonte: Dati Ismea – agosto 2019

Sfruttamento del lavoro e diritti negati

In Italia il mercato del pomodoro è spesso caratterizzato da sfruttamento e diritti negati

Sfruttamento del lavoro e diritti negati

In Italia il mercato del pomodoro è spesso caratterizzato da sfruttamento e diritti negati

04

Questi lavoratori ricevono una paga media tra i 20 e i 30 euro al giorno, un salario inferiore di circa il 50% di quanto previsto dai ccnl e cpl, e lavorano spesso a cottimo, per un compenso di 3/4 € per un cassone da 375kg.

Fonte: QUARTO RAPPORTO AGROMAFIE E CAPORALATO
Osservatorio Placido Rizzotto Flai CGIL – Luglio 2018

La soluzione etica: la filiera del pomodoro Tomato Revolution

La scelta di relazioni di qualità con i nostri produttori, caratterizzata da rapporti diretti, di fiducia e trasparenza; la scelta di riconoscere il valore del lavoro e pagare un prezzo giusto, di rispettare l’ambiente, di incentivare le produzioni biologiche, di migliorare le tecniche di coltivazione tradizionali e preservare la biodiversità, sono scelte che contribuiscono a creare un pomodoro davvero buono.

La scelta di relazioni di qualità con i nostri produttori, caratterizzata da rapporti diretti, di fiducia e trasparenza; la scelta di riconoscere il valore del lavoro e pagare un prezzo giusto, di rispettare l’ambiente, di incentivare le produzioni biologiche, di migliorare le tecniche di coltivazione tradizionali e preservare la biodiversità, sono scelte che contribuiscono a creare un pomodoro davvero buono.

Alto impatto sociale della nostra filiera del pomodoro

Basso impatto ambientale della nostra filiera del pomodoro

Il pomodoro biologico Altromercato

Siccagno

Tondo Roma

Ciliegino

Un esempio di sostenibilità ambientale:
il pomodoro siccagno e il risparmio idrico

La varietà di pomodoro coltivata dai piccoli produttori delle Madonie, a 700/800 metri d’altezza, in una zona incontaminata dell’entroterra siciliano, si chiama “Siccagno” perché non richiede l’apporto d’acqua. Le particolari caratteristiche del terreno argilloso consentono una buona fertilità e l’autoregolazione idrica nei periodi di siccità.

Un esempio di sostenibilità ambientale:
il pomodoro siccagno e il risparmio idrico

La varietà di pomodoro coltivata dai piccoli produttori delle Madonie, a 700/800 metri d’altezza, in una zona incontaminata dell’entroterra siciliano, si chiama “Siccagno” perché non richiede l’apporto d’acqua. Le particolari caratteristiche del terreno argilloso consentono una buona fertilità e l’autoregolazione idrica nei periodi di siccità.

I pomodori vengono raccolti e selezionati a mano, maturano al sole e vengono trasformati e confezionati talvolta nella stessa cooperativa che gestisce l’intera filiera.

I pomodori vengono raccolti e selezionati a mano, maturano al sole e vengono trasformati e confezionati talvolta nella stessa cooperativa che gestisce l’intera filiera.

Le nostre origini

I protagonisti di Tomato Revolution sono 3 cooperative di produttori nel Sud Italia che raggruppano 60 piccoli produttori attivi in territori ad alto rischio di sfruttamento della manodopera.

I protagonisti di Tomato Revolution sono 3 cooperative di produttori nel Sud Italia che raggruppano 60 piccoli produttori attivi in territori ad alto rischio di sfruttamento della manodopera.

L’impatto della nostra filiera

E tu, consumi o scegli?

scopri le nostre passate e i nostri sughi

LEGGI DI PIU’ SUL MONDO DEL POMODORO

 

Torna in cima